Come era vista la disabilità nella preistoria

Come era vista la disabilità nella preistoria

evoluzione umana

 

Sono i vincitori di solito a scrivere la storia ma la stessa non è stata fatta solo dai vincitori, con Paolo Vissani scopriamo qual’è la concezione che della disabilità e delle persone con disabilità si è avuta nel corso della storia. Nel codice babilonese di Hammurabi, ad esempio, chi accidentalmente diventava disabile aveva una protezione legale, un’assistenza medica fornita dallo Stato.

Un approccio che è possibile rintracciare nei confronti delle persone con disabilità nei periodi più antichi è che non venivano considerate a norma, cioè normali; ed essere a norma era un prerequisito per partecipare alla società in maniera totale. Ci sono tuttavia delle eccezioni fatte per due tipi di disabilità: la cecità, poiché i ciechi venivano considerati come individui che potevano prevedere il futuro e quindi estremamente rispettati; la pazia, poiché i pazi erano capaci di parlare con gli dei e quindi non bisognava inimicarseli. Il senso della utilità e della inutilità, come potrete ascoltare, attraversa tutto il periodo antico.

Lascia un Commento

Si deve essere il log in per inviare un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.