Le regole dell’Haiku, poche parole per dire tutto

Le regole dell’Haiku, poche parole per dire tutto

haiku

 

Nato in Giappone nel XVII secolo e giunto anche in Italia tra la fine dell’800 e i primi anni del ‘900 l’Haiku influenzò la poesia di Gabriele D’Annunzio.

E’ una poesia molto breve formata da 3 versi e 17 sillabe che sono fisse per ogni verso: primo verso cinque sillabe, secondo verso sette e il terzo cinque. Ma secondo il nostro vocabolario la sillaba è un insieme di suoni che comprendono massimo una vocale e solo in alcuni casi ne comprendono due mentre nell’Haiku, facendosi riferimento alla scrittura giapponese, le sillabe equivalgono ad un ideogramma

Negli Incontri culturali al Sant’Alessio (Istituto Margherita di Savoia per i ciechi) il dott. Antonio Viglietto ci spiega la tecnica degli Haiku leggendone alcuni bellissimi.

Lascia un Commento

Si deve essere il log in per inviare un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.